Da ragazzo a macellaio, da macellaio a vegetariano

Il rapporto con l’industria della carne, si potrebbe dire, è stato messo nella mia culla. Mia madre è cresciuta come figlia di un contadino di montagna nella Svizzera orientale sul Flumserberg. Mio nonno aveva mucche da latte e maiali. Questi ultimi erano per il proprio consumo di carne. Se non ricordo male, i maiali erano anche riciclatori residui di rifiuti di cucina. In quanto onnivori, erano anche ideali per questo.

Una o due volte l’anno un macellaio veniva alla fattoria di montagna dei miei nonni per macellare e lavorare i maiali. Ogni volta che ero lì, seguivo le operazioni del macellaio. Mi hanno impressionato i processi coinvolti nella tradizionale professione di macellaio: azione rapida quando si spara un dardo (per il benessere degli animali), lavoro preciso con il coltello e l’anatomia dell’animale. A quel tempo non capivo che l’anatomia umana fosse simile e che la carne, per dirla semplicemente, fosse muscoli morti.

Il lavoro del macellaio è solo una parte dell’industria della carne. Nella fattoria di mio padre nella bellissima Zelanda, nella Svizzera occidentale, vedevo ogni giorno tori ingrassati per la produzione di carne. Per quanto posso ricordare, mais, erba, fieno e concentrato erano la dieta dei tori. Non appena ebbero il peso ottimale per la macellazione, un’impresa di trasporti li prese e li portò al macello. Durante i miei giorni di scuola sono andato più volte da un macellaio. Verso la fine della scuola ho ottenuto un apprendistato come macellaio nella regione.

Il tempo come apprendista macellaio

Oltre al negozio, la mia società di formazione aveva anche un proprio macello. Insomma, abbiamo fatto tutto da soli, dall’estrazione e lavorazione della carne alla lavorazione e vendita, come apprendista dovevo essere presente in ogni processo. Per me questo significava iniziare a lavorare ogni lunedì alle cinque. Quello è stato il giorno in cui abbiamo massacrato i maiali. Non entrerò nei dettagli qui. Proprio così tanto: sono diventato sempre più consapevole che, anche se non ero quello con la pinza amperometrica, ho messo fine a molte vite animali.

Nel corso del mio apprendistato ci sono stati incidenti con diversi animali che hanno portato a un conflitto interiore con me. Spinto da questo sentimento interiore e dai testi etici animali di alcuni gruppi musicali dal metal hardcore e dalla musica punk, ho iniziato a leggere letteratura filosofica sull’etica animale. Peter Singer, un filosofo contemporaneo, all’epoca era un noto esperto di etica animale. Ho trovato il suo libro “Animal Liberation” e “Practical Ethics” molto eccitanti. Tutti questi pensieri e influenze mi hanno portato al vegetarianismo negli ultimi sei mesi del mio apprendistato come macellaio.

Ora sono vegetariano, e adesso?

Come molte persone prima e dopo di me, sono diventato vegetariano per motivi etici. Allora, verso la fine del millennio, le informazioni sulle diete vegetariane non erano così diffuse come lo sono oggi e non avevo i mezzi tecnici (Internet) per farlo. Ad esempio, non è stato così facile comprare il tofu. Dovevo andare a Berna ogni volta per questo. Allora Coop e Migros non avevano molti prodotti vegetariani. Dato che ero un vegetariano rigoroso, non volevo la gelatina nei miei prodotti.

Se avessi già saputo all’epoca che, ad esempio, l’aceto si schiarisce con la gelatina, lo avrei cancellato dal piatto. Col tempo, però, mi sono reso conto che anche la maggior parte dei formaggi non è strettamente vegetariana. Il caglio utilizzato per coagulare il latte proviene dallo stomaco dei vitelli morti. Da un punto di vista etico, non volevo averci niente a che fare e ho deciso di mangiare vegano. È stata una vera sfida perché ho dovuto abituarmi a molti cibi che per me erano nuovi.

Questi includevano legumi, vari tipi di verdure (ma ho già mangiato verdure 😉), cereali e semi. L’unica cosa che non volevo mangiare era il cibo spazzatura, motivo per cui mi sono così abituato a molti cibi, con tutti i loro vantaggi e svantaggi. Dopo un anno sono diventato di nuovo vegetariano grazie a un pasto a base di raclette. Dott. Neil Barnard aveva ragione nel suo libro “The Cheese Trap”: Cheese crea una forte dipendenza!

Ci sono dei vantaggi in una dieta vegetariana?

Sono vegetariano da quasi vent’anni. Ho sentito tutte le battute vegetariane più volte, mi lasciano gli angoli della bocca immobili. Anche la domanda “da dove prendi le tue proteine?” o il pregiudizio che io abbia comunque dei deficit di certi nutrienti, lo so troppo bene, ma questi non mi preoccupano. Gli studi dimostrano che vegetariani e vegani spesso fanno meglio dei non vegetariani quando si tratta di assunzione di macronutrienti (proteine, grassi e carboidrati), molte vitamine e minerali.

L’assunzione di fibre e sostanze fitochimiche è molto più elevata nelle diete vegetariane [1]. Tuttavia, ciò richiede una selezione alimentare varia e ben pianificata. Va notato che l’apporto e l’effettivo assorbimento dei nutrienti nel corpo non devono corrispondere. Ferro, zinco e acidi grassi omega-3 sono visti come nutrienti potenzialmente critici nei vegetariani e vitamina B12, calcio e vitamina B2 nei vegani [1]. In uno studio trasversale condotto dalla Svizzera, l’apporto di vitamine e minerali è stato esaminato in 206 persone di prova. I risultati hanno mostrato che non c’è differenza tra onnivori, vegetariani e vegani nel verificarsi di uno stato di ferro insufficiente. I vegetariani avevano la più alta prevalenza di deficit di vitamina B6 e niacina, i vegani di zinco e gli onnivori di acido folico.

Un deficit di vitamina B12 era basso in tutti i gruppi. La ragione di ciò è probabilmente la supplementazione di vitamina B12 [2]. In linea di principio, può essere un vantaggio se tutti effettuano un esame emocromocitometrico annuale (inclusi ferro, vitamina B12, zucchero a tre mesi HbA1c) per rilevare possibili carenze di vitamine e minerali o prediabete in una fase precoce.

Se si prendono in considerazione le malattie, i vegetariani e i vegani a volte hanno un rischio inferiore rispetto agli onnivori. Questo vale per il sovrappeso, inclusi obesità, diabete di tipo 2, ipertensione e malattie cardiovascolari e cancro. Al contrario, vegetariani e vegani hanno una densità ossea inferiore rispetto agli onnivori [3]. Una differenziazione più precisa nelle malattie, soprattutto nel cancro, dovrebbe essere fatto, ma va oltre lo scopo di questo articolo. Perché non tutto è sempre in bianco e nero.

Osservazioni conclusive

Per me personalmente, il passaggio a una dieta vegetariana è stato benefico per le mie abitudini alimentari. Le mie scelte alimentari sono più ampie di prima, la digestione e i movimenti intestinali funzionano meglio e generalmente mi sento più attivo.

Per me è importante che in quanto vegetariano o vegano non punti il ​​dito contro altre persone. Ognuno dovrebbe decidere da solo cosa è corretto da un punto di vista etico. Non possiamo dire in modo conclusivo se una dieta vegetariana sia più benefica per la salute di una dieta mista (onnivora). Tuttavia, la situazione dello studio consente di concludere che più componenti vegetali nella dieta fanno bene a noi umani.

Garth Davis, chirurgo bariatrico americano e vegano, una volta disse: “Se mi dici che sei vegano, so solo cosa non mangi!” Vegani e vegetariani possono anche mangiare solo pane, patatine, ecc. Pertanto, una dieta vegetariana e vegana dovrebbe essere ben pianificata e includere un’ampia varietà di alimenti e integratori a base vegetale (ad esempio vitamina B12).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *