Il miracolo nutrizionale dal davanzale della finestra: germogli e germi

La coltivazione di germogli a casa tua non richiede molti sforzi. Nessun ortaggio è più facile da curare dei piccoli semi, noci o noccioli di cui hanno bisogno. Poiché i germogli crescono meglio a temperatura ambiente, possono essere gustati anche tutto l’anno. Con un tempo medio di germinazione di 2-5 giorni, hai praticamente sempre una porzione di nutrienti freschi pronta per la diffusione o l’insalata.

Le verdure del nostro supermercato spesso hanno molta strada da fare prima di arrivare nei nostri piatti. Molti nutrienti vengono spesso persi durante il trasporto, lo stoccaggio, la lavorazione e la preparazione e l’ambiente è inquinato da pesticidi e imballaggi di plastica. Soprattutto in inverno, i germogli sono una buona ed economica alternativa alle verdure congelate o importate, ai frutti tropicali o agli integratori alimentari.

Ma cosa c’è veramente dentro?

Quando abbiamo iniziato a occuparci di più dei germogli, volevamo naturalmente sapere quale valore aggiunto avessero rispetto alla frutta e verdura convenzionale e perché valeva la pena integrarli maggiormente nel nostro menu.

Ci sono molti ingredienti preziosi nei germogli, come vitamine, minerali e sostanze vegetali secondarie. Sono inoltre ricchi di fibre nutritive, che promettono sazietà di lunga durata e, come frutta e verdura, rappresentano una fonte vegetale a basso contenuto calorico di carboidrati, proteine ​​e grassi. Tuttavia, si consiglia di combinarli con altre fonti di carboidrati e proteine ​​in un pasto principale equilibrato o da gustare come spuntino salutare.

Grazie a una ricerca su Internet più dettagliata, inclusa un’analisi nutrizionale, emerge quanto segue: ci sono, come per ogni argomento relativo alla nutrizione, molti fatti, molta disinformazione, campagna pubblicitaria e marketing.

Verifica dei fatti

I germogli sono a basso contenuto di calorie, ricchi di sostanze nutritive, vegetali, ecologici, economici, facili da preparare, sani E deliziosi. Si potrebbe giustamente chiamarlo superfood (termine di marketing moderno per cibi particolarmente nutrienti). Dovresti quindi finire nel tuo piatto gradualmente più spesso! Quindi inizia con piccole porzioni.

Ovviamente, non ci sono aziende o lobby multimilionarie dietro l’entusiasmo del germoglio. È grazie ai vantaggi dei germogli stessi che l’uomo moderno li percepisce come un arricchimento e che non deve essere pubblicizzato in modo aggressivo. Tuttavia, la storia della nutrizione mostra che molte teorie positive o negative vengono messe in prospettiva in un secondo momento: il colesterolo consumato non è poi così male e il fruttosio non è l’alternativa più sana.

Nel caso dei germogli, ci sono specifiche nutrizionali molto diverse. Nei libri e sui siti web si dice spesso che nei germogli sono stati osservati contenuti minerali molto più elevati dal seme al germoglio. Nei database dei nutrienti, il contenuto degli stessi nutrienti sembra essere per lo più anche inferiore a quello del seme (ma comunque alto).

Una possibile giustificazione potrebbe essere l’uso della normale acqua del rubinetto in contrapposizione all’acqua che è stata arricchita con minerali. Sfortunatamente, le piante non possono produrre da sole minerali come calcio o magnesio: li prendono in prestito dal terreno.

I germogli sono ricchi di minerali, ma sarebbero ancora più ricchi se fatti con acqua fortificata. Molti contenuti vitaminici rimangono invariati o simili. La vitamina C, tuttavia, di solito è molto moltiplicata, il che parla chiaramente a favore di uno specchio di poppa sul davanzale della finestra.

Un’altra disinformazione è la promessa di guarigione per varie malattie e infezioni. Se si dice che vari germogli hanno un effetto antimicrobico, questo potrebbe avere un effetto positivo o negativo su batteri, virus e funghi – tuttavia, gli studi scientifici restano da vedere. quale delle innumerevoli sostanze vegetali secondarie presenti nei germogli raggiunge questo effetto o quale dose sarebbe necessaria in quale finestra temporale per cercare di ottenere effetti terapeutici mirati. Qualsiasi affermazione sulla capacità di trattare determinate malattie o infezioni da germogli deve quindi essere vista con scetticismo e, se necessario, chiarita con il medico o il nutrizionista FH.

Come lo zenzero, la curcuma, il ravanello, l’aglio e molte altre piante, i germogli hanno varie sostanze che hanno un effetto terapeutico minimo. Questo gruppo di sostanze vegetali secondarie è costituito da 60.000-100.000 sostanze diverse con un’ampia varietà di effetti. Questi completano il piatto quotidiano e possono aiutare a mantenere la salute. Tuttavia, non è ancora possibile affermare che la malattia XY debba essere trattata con una manciata di germogli ogni giorno.

Come faccio a coltivare correttamente i germogli?

Per tutti coloro che non hanno il pollice verde: i germogli non richiedono molto sforzo e sono abbastanza facili da curare. Nemmeno la terra è necessaria. Dopo 2-5 giorni di germinazione, la maggior parte dei germogli è pronta per il raccolto. Esistono diversi metodi per far germogliare i semi. È importante avere un buon contenitore in modo che i semi rimangano umidi, abbiano spazio e ricevano luce e aria.

Il metodo più semplice ed economico è cotone idrofilo, pile o carta da cucina. Su di esso possono germogliare in particolare semi che formano melma come il crescione o il lino.

Il barattolo per germogli e la ciotola per germogli sono i metodi più comuni e sono ideali per la maggior parte dei semi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *